Giuridicamente

Michel Martone sulla riforma del mercato del lavoro a Coffee Break su La7



Ospiti in studio Cesare Damiano, Raffaele Bonanni, Michel Martone e Roger Abravanel, si parla della riforma del mercato del lavoro.

Se ne è andato un grande giurista, il Prof. Francesco Galgano

Ieri pomeriggio si è spento il Prof. Francesco Galgano, lasciando un gran vuoto nel mondo giuridico e universitario.

 

Ci lascia un maestro che ha dedicato la vita intera al diritto e come scrive un suo studente, “oggi abbiamo perso l’uomo, ma il suo pensiero è rimasto nei suoi innumerevoli scritti”. 

 

La memoria di un riformista – Conversazione con Gino Giugni

Michel Martone. Conversazione Gino GiugniRipubblico, con infinita tristezza per la scomparsa, una conversazione con il  grande Maestro

In un momento in cui i temi del lavoro tornano ad essere centrali, Gino Giugni ci accoglie nel suo studio per una conversazione poco prima della presentazione del suo ultimo libro, La memoria di un riformista, in cui ripercorre le tappe salienti della sua vicenda personale e professionale nel contesto della storia politica italiana dell’ultimo mezzo secolo: dall’infanzia sotto il fascismo, alla Resistenza, alla lunga attività di studioso di diritto del lavoro e di intellettuale impegnato in politica, fino ad episodi drammatici come l’attentato subito dalle Brigate rosse. Continua a leggere ‘La memoria di un riformista – Conversazione con Gino Giugni’

Lavorare per sopravvivere, indebitarsi per consumare

La repentina crisi finanziaria che ha travolto l’economia mondiale segna l’inizio della seconda fase della globalizzazione. Nella quale cambieranno i paradigmi economici, le categorie politiche e i rapporti di forza tra le diverse nazioni. L’America, con Obama, ha già annunciato di voler condividere la propria leadership con i paesi emergenti che, a loro volta, reclamano un nuovo ruolo nello scacchiere globale e vogliono superare gli equilibri cristallizzati a Bretton Woods. Mentre l’Europa, se non troverà la forza di parlare con una sola voce, rischia di diventare marginale.

In attesa di conoscere gli esiti della difficile transizione che dal G20 di Washington dovrà portare al nuovo ordine globale, l’annunciata conclusione del Doha Round entro Dicembre potrebbe segnare l’inizio di una nuova stagione di negoziati commerciali che siano anche veicolo per la diffusione dei diritti del lavoro nei paesi in via di sviluppo.
Un’opportunità per reagire ad una crisi economica, finanziaria e sociale che rischia di travolgere i ceti medi occidentali, migliorando gli standard di vita dei lavoratori dei paesi in via di sviluppo.

Continua a leggere ‘Lavorare per sopravvivere, indebitarsi per consumare’

Norma antiprecari – Un mercato del lavoro perverso

 E’ stato più forte di me, non riuscivo ad abbandonare il blog…

norma-anti-precari.jpgAl di là dei facili demagogismi, il pandemonio suscitato dalla già famigerata norma anti-precari offre lo spunto per riflettere sulle perversioni del nostro mercato del lavoro. Nel quale le assunzioni a tempo indeterminato dipendono piuttosto dalle sentenze dei giudici del lavoro che non dalle politiche di selezione del personale decise dai vertici delle aziende sulla base delle richieste del mercato. Come appunto dimostra la vicenda che è all’origine della norma anti-precari inopinatamente inserita l’altra notte nel maxiemendamento alla legge finanziaria. Quella relativa alle assunzioni del personale in Poste italiane e in alcune altre aziende italiane.

Continua a leggere ‘Norma antiprecari – Un mercato del lavoro perverso’

Crediti – Paga o non paga?

 Drin Drin… (il creditore, preoccupato, con il suo avvocato, tranquillo): Paga o non paga? E se paga, quando paga? A due mesi? – No, in genere a quattro. Ma spesso dopo sei. E in molti casi solo a fronte di un decreto ingiuntivo! – E allora chiediamolo subito questo decreto ingiuntivo! – Sì, ma ci vuole un titolo che, per essere esecutivo, deve essere certo, liquido ed esigibile. Una fattura ad esempio. – Ma se emetto la fattura non pago l’Iva?!

Continua a leggere ‘Crediti – Paga o non paga?’

E’ meglio la cultura del ‘risultato’ o della ‘produttività’?

merito.jpgNell’epoca del bipolarismo dialogante le parole diventano importanti perché, abbandonate le ingombranti ideologie e gli sterili e urlanti dibattiti televisivi da Seconda Repubblica, maggioranza e opposizione sembrano volersi confrontare pacatamente sui problemi; per dare risposte agli italiani sulla casa, sui mutui, sulla sicurezza, sull’immigrazione, sulla precarietà, sui rifiuti, sull’aumento del costo della vita e l’impoverimento delle retribuzioni e sulle tante altre questioni che compromettono il futuro di questo paese bloccato.

Continua a leggere ‘E’ meglio la cultura del ‘risultato’ o della ‘produttività’?’

Licenziare i fannulloni! Dalla teoria alla pratica

logo_il_riformista.jpgDa decenni, o meglio sin dal 1957, la legge permette il licenziamento, anzi con il linguaggio dell’epoca la “destituzione”, dei pubblici dipendenti che si siano dimostrati scorretti o infedeli e quindi scarsamente produttivi o eccessivamente assenti.
Continua a leggere ‘Licenziare i fannulloni! Dalla teoria alla pratica’

Articolo 18 – Un approccio bipartisan all’ultimo tabù

Per alcuni l’art. 18, o meglio l’istituto della reintegrazione che ne costituisce il fulcro, è la più importante di tutte le tutele perché, sottraendo il lavoratore alla paura di essere ingiustamente licenziato del datore di lavoro, dà senso e sostanza a tutti gli altri diritti del lavoro.
Continua a leggere ‘Articolo 18 – Un approccio bipartisan all’ultimo tabù’

Il castello – Uno sporco piccolo comma

castello.jpg

Da qualche anno, nell’ordinamento italiano c’è uno sporco piccolo comma che, noncurante della legge morale prima ancora che costituzionale, sostiene l’industria del calcio proprio nel momento in cui tartassa quella culturale. Un comma che si inscrive a pieno titolo tra quelli che compongono quel burocratico castello di leggi che lasciava sgomento Kafka, ai primi del Novecento, e affligge tutti, agli inizi del nuovo secolo.

Continua a leggere ‘Il castello – Uno sporco piccolo comma’