Smentite

Lettera al Direttore de La Stampa. Precisazioni all’articolo del 26 febbraio sul lavoro interinale

 

 

di martedì 28 febbraio 2012

Caro Direttore,

Le scrivo perché alcune inesattezze contenute nell’articolo, intitolato “Gli interinali rischiano stipendi ancora più bassi”, pubblicato sul Suo giornale domenica 26 febbraio a firma R.GI. mi costringono ad intervenire per fare alcune precisazioni ed evitare che si diffondano inutili allarmismi. Nell’articolo si legge che, secondo una “filosofia tipicamente liberista”, il Decreto varato in attuazione della Direttiva comunitaria riguardante le agenzie di lavoro interinale “non solo liberalizza e flessibilizza ampiamente il ricorso a questa forma di lavoro” per i lavoratori svantaggiati ma, soprattutto, “stabilisce chiaramente” che questi lavoratori “una volta inseriti in azienda riceveranno un salario più basso del 20% o verranno inquadrati due livelli al di sotto di quello teoricamente spettante”.

Si tratta di affermazioni errate.  Continua a leggere ‘Lettera al Direttore de La Stampa. Precisazioni all’articolo del 26 febbraio sul lavoro interinale’

Risposta del Ministro Brunetta all’interrogazione del Senatore Pietro Ichino in ordine all’incarico del Professor Michel Martone

A seguito della videoinchiesta di Repubblica.it, ripubblico, ad un anno e mezzo di distanza, la risposta, data nelle competenti sedi istituzionali, del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta, all’interrogazione del Sen. Pietro Ichino in ordine all’opportunità di affidare l’incarico di consigliere giuridico al Prof. Michel Martone a seguito della designazione parlamentare del padre, Dott. Antonio Martone, a componente della Civit. Continua a leggere ‘Risposta del Ministro Brunetta all’interrogazione del Senatore Pietro Ichino in ordine all’incarico del Professor Michel Martone’

Michel Martone a SkyTG24 sulla riforma del lavoro con Maria Latella



Michel Martone su sfigati, neet, secchioni e apprendisti a Sky TG24 con Maria Latella



Michel Martone a Maria Latella: “Mi riferivo solo a chi prende università come parcheggio, perché evidentemente se lo può permettere. Andate a vedere il video dell’intervento integrale sul mio sito”.

Le falsità di Travaglio su Michel Martone. Persino Michele Santoro costretto alla smentita



Nell’apertura della tredicesima puntata di Servizio Pubblico, Michele Santoro, come raramente accade, è dovuto intervenire in difesa di Marco Travaglio per correggere alcune delle falsità e delle inesattezze dette nel corso della sua invettiva sulla mia persona, dalla laurea alla nomina a vice ministro.

Come hanno immediatamente precisato i miei legali ed è possibile leggere su questo blog nel post intitolato “Marco Travaglio: se questo è un giornalista“, le falsità e le inesattezze erano ben più numerose. Ne avevo infatti contate 23, in un intervento che è durato 11 minuti e 47 secondi e ha riguardato, seppur marginalmente, anche il Presidente del Consiglio, Mario Monti, ed il ministro del Lavoro, Elsa Fornero. Insomma, approssimativamente due al minuto! Continua a leggere ‘Le falsità di Travaglio su Michel Martone. Persino Michele Santoro costretto alla smentita’

Replica di Michel Martone all’articolo di Giampiero Cazzato su il Venerdi di Repubblica intitolato “Martone jr. e quella consulenza a perdere per l’Inps”

Con riferimento all’impreciso articolo pubblicato su Il Venerdì de La Repubblica, intitolato “Martone Jr. e quella consulenza a perdere per l’INPS” a firma di Giampiero Cazzato, sono costretto a precisare che io non ho mai avuto alcuna consulenza con l’INPS.

E’ vero invece che, quasi due anni fa, lo Studio Legale Martone & Martone ha difeso l’Istituto in una causa di particolare urgenza e delicatezza, ma è falso che il compenso fosse di 20.000 euro.

Nonostante si trattasse di un giudizio di urgenza che nell’ambito del tariffario forense rientrava nello scaglione delle controversie di particolare importanza, lo Studio Legale Martone&Martone ha infatti richiesto un compenso di euro 6.113,12 iva inclusa.

Una richiesta che, come può essere agevolmente verificato, era perfettamente in linea con i valori previsti dal tariffario forense ed è pari ad un terzo del compenso poi richiesto, sempre che almeno in questo caso le informazioni del dott. Cazzato siano attendibili, dallo studio legale che successivamente si è interessato della vicenda. Continua a leggere ‘Replica di Michel Martone all’articolo di Giampiero Cazzato su il Venerdi di Repubblica intitolato “Martone jr. e quella consulenza a perdere per l’Inps”’

MICHEL MARTONE SU MARCO TRAVAGLIO “SE QUESTO E’ UN GIORNALISTA”

C’è chi ha la colpa di avere un nome da “parrucchiere per signore” e chi quella di non fare il suo mestiere. Ciascuno giudichi quale colpa è più grave.

Ieri sera Marco Travaglio mi ha dedicato, durante la trasmissione “Servizio Pubblico”, il suo editoriale. Peccato che fosse una sequenza di falsità.

A me preme sottolineare che:

1. è falso che “il Professor Mattia Persiani è stato relatore alla discussione della mia tesi di laurea”. Il mio relatore è stato il Professor Matteo Dell’Olio;

Continua a leggere ‘MICHEL MARTONE SU MARCO TRAVAGLIO “SE QUESTO E’ UN GIORNALISTA”’

Video-inchiesta di Repubblica su Martone. Lavoro da quando ho 23 anni e per me parla il mio curriculum.

La migliore risposta e’ il mio curriculum dal quale vedrete che lavoro da quando ho 23 anni: ho collaborato col ministro Brunetta per 16 mesi come consigliere giuridico con un compenso di 40mila euro lordi, pari a circa 1.300 euro al mese. La collaborazione con Renato Brunetta e’ stato un lavoro importante e molto impegnativo.

Ho iniziato questa collaborazione ben prima che mio padre venisse nominato alla Civit e, comunque, la sua nomina e’ avvenuta su proposta del ministro Brunetta, con delibera del consiglio dei Ministri, approvata a maggioranza qualificata dalle commissioni parlamentari e col decreto del presidente della Repubblica.

Mio padre è un giudice, io sono un professore e mia sorella una precaria della ricerca.

Una precisazione sul concorso da ordinario del Prof. Michel Martone

Visto il furore mediatico che si è scatenato, per trasparenza preciso, anzitutto ai miei studenti, che sono andato a ricostruire le vicende del concorso da professore ordinario di 8 anni fa. E ho potuto verificare che, diversamente da quanto riportato da alcuni giornali, tutti gli altri candidati  si sono ritirati dal concorso in questione (con una sola eccezione), perché nel frattempo avevano vinto il concorso da ordinario in altre sedi da loro preferite.

Continua a leggere ‘Una precisazione sul concorso da ordinario del Prof. Michel Martone’

La replica di Michel Martone su “apprendisti”, “neet”, “sfigati” e “secchioni” a otto e mezzo di Lilli Gruber



Dedicato a tutti quelli che si sono offesi, ma soprattutto a quelli che studiano lavorano e si impegnano tutti i giorni.

Il video integrale dell’intervento di Michel Martone sull’apprendistato, i “neet”, gli “sfigati” e i “secchioni”



A prescindere da ogni polemica e tenuto conto che la mia frase è stata tagliata in fase di montaggio, pubblico il video con l’intera frase da me pronunciata e la sua trascrizione perché sono profondamente dispiaciuto se i giovani che lavorano, intraprendono o, comunque, fanno qualcosa per la crescita del nostro paese si sono offesi.

Non mi rivolgevo a loro!

Pubblico di seguito la trascrizione del mio intervento:

“Se vogliamo invertire il trend dell’occupazione, innanzitutto dell’occupazione giovanile, dobbiamo cominciare a riconquistare posti di lavoro, uno per uno.Dobbiamo fare lo sforzo di dare ai giovani dei messaggi veri, tipo: “se a 28 anni tu non sei ancora laureato sei uno sfigato; se a 16 anni tu scegli di lavorare o di fare un istituto tecnico professionale e decidi di farlo bene: bravo!”E se tu non fai e stai li a dire: “Hai sbagliato”, come accade spesso nei confronti dei secchioni – e ora faccio parte di un governo strano, così lo ha definito il Presidente del Consiglio Mario Monti, o comunque di secchioni –  beh! E’ il caso di dire che essere secchioni tutto sommato non è male, perché almeno si fa qualcosa!”

La replica di Michel Martone alla polemica sugli “sfigati”: non mi riferivo a tutti quei ragazzi che per necessità, per problemi di famiglia o di salute o perché devono lavorare per pagarsi gli studi, sono costretti a laurearsi fuori corso. Ma mi rivolgo a…



Non pensavo di suscitare tali reazioni ma, visto il dibattito, ci tengo a chiarire che, con la mia dichiarazione di oggi, non mi riferivo a tutti quei ragazzi che per necessità, per problemi di famiglia o di salute o perché devono lavorare per pagarsi gli studi, sono costretti a laurearsi fuori corso.

Continua a leggere ‘La replica di Michel Martone alla polemica sugli “sfigati”: non mi riferivo a tutti quei ragazzi che per necessità, per problemi di famiglia o di salute o perché devono lavorare per pagarsi gli studi, sono costretti a laurearsi fuori corso. Ma mi rivolgo a…’