Tag Archive for 'figli'

Il Corriere della Sera intervista Michel Martone sul calo delle iscrizioni universitarie

Pubblico l’intervista che ho rilasciato al Corriere della Sera del 1 febbraio 2013 con il fuorviante titolo “Tutta colpa di modelli negativi come Corona”

 

Non è sorpreso del calo delle immatricolazioni all’università (- 17% in 10 anni) il Vice Ministro del Lavoro, Michel Martone, che spesso  si è distinto per uscite controcorrente sui giovani.

Perché se l’aspettava?

Perché da un lato c’è un calo demografico che colpisce in particolare i giovani, dovuto al fatto che da troppo tempo non si fanno abbastanza figli, e dunque ci sta che la diminuzione della fascia di popolazione giovanile abbia conseguenze sul numero di coloro che si iscrivono all’università. Ma questo non basta a spiegare il fenomeno. Dall’altro lato, infatti, esso è un’altra manifestazione del disagio e della scarsa attenzione che c’è nei confronti della condizione giovanile. E’ un peccato che non se ne parli in campagna elettorale. Continua a leggere ‘Il Corriere della Sera intervista Michel Martone sul calo delle iscrizioni universitarie’

Perché questo debito lo dobbiamo pagare noi



Purtroppo i posti di lavoro non si creano per legge. I posti di lavoro si creano nell’economia attraverso la crescita.

Viviamo però in un sistema che nel corso degli ultimi anni ha visto compromettere la propria capacità di crescita, perché abbiamo ereditato il terzo debito pubblico al mondo. Continua a leggere ‘Perché questo debito lo dobbiamo pagare noi’

Michel Martone sul Primo maggio



Continua a leggere ‘Michel Martone sul Primo maggio’

Quel riflesso condizionato della protesta “a prescindere”

Articolo pubblicato sul Il Sole 24 Ore di sabato 19 novembre 2011

Il problema di questo paese è che cambiano i governi ma i problemi rimangono sempre gli stessi. Pensate alla giornata di mercoledì (ma anche a quella di ieri). Monti non aveva neanche terminato di leggere il suo discorso programmatico al Senato che, nelle piazze, i professionisti della contestazione sociale già cominciavano a manifestare. Cortei in tutta Italia, Roma paralizzata dagli scioperi, feriti e contusi a Palermo come a Torino. Sembra di rivedere sempre lo stesso film. Un nuovo Governo che  annuncia di voler finalmente passare ai fatti per realizzare le riforme che tutti, a destra come a sinistra, nelle università come nei partiti, considerano necessarie.

Continua a leggere ‘Quel riflesso condizionato della protesta “a prescindere”’

Una volta tanto stiamo dalla parte dei genitori

A gennaio di quest’anno il ministro Brunetta propone una legge che obblighi i figli ad uscire di casa a 18 anni.

Oggi assistiamo a genitori che fanno causa ai figli quarantenni, o quasi, per mandarli fuori di casa. Non è la trama del film francese Tanguy, avviene veramente.

I genitori si sono rivolti al giudice in tre casi concreti in cui i figli, ancora a casa e dipendenti dai genitori, non ne volevano sapere di andarsene. L’età dei cd. “bamboccioni” oscilla tra i 38  i 40 anni. Le richieste, presentate all’Adico di Mestre, hanno visto le famiglie disperate chiedere un supporto legale per agire contro i figli che, ad uscire di casa e a rendersi indipendenti, non ci pensavano minimamente.

Si arriva poi ad estremi di altro genere: casi in cui il padre, condannato da Tribunale di Trento, si trova a dover mantenere la figlia trentenne fuori corso all’università perché senza un lavoro.
Continua a leggere ‘Una volta tanto stiamo dalla parte dei genitori’