Tag Archive for 'fuori corso'

“Fuoricorso, costruite il vostro futuro senza paura”

Tgcom24 – 28 lug 2012 – Dopo l’ipotesi dell’innalzamento delle tasse universitarie per i fuoricorso, previsto nel provvedimento cosiddetto spending review, sul tema interviene Micheal Martone, vice ministro del Lavoro: “La Costituzione dice che è compito dello Stato assicurare il diritto allo studio ai capaci e ai meritevoli. Abbiamo sempre avuto troppi pochi fondi per poter finanziare le borse di studio, a cui saranno destinate il 50% delle risorse recuperate”.

Continua a leggere ‘“Fuoricorso, costruite il vostro futuro senza paura”’

Intervista di Michel Martone al Corriere della Sera sui laureati fuori corso

Corriere della Sera, 15.07.2012

«Non scrivete che sono quello della frase sugli sfigati, non ne posso più ». Michel Martone, viceministro del Lavoro, vorrebbe cancellare quella frase «incauta» che a gennaio sollevò un vespaio. «Laurearsi dopo i 28 anni è da sfigati», osò dire: una provocazone, che gli costò una rivolta mediatica. A distanza di qualche mese, sorride approvando le parole di Profumo, che in sostanza ricalcano le sue convinzioni. «Quaranta milioni di nuovi lavoratori nel mondo sono pronti a competere per ottenere il nostro livello di benessere economico – sostiene Martone – I nostri giovani non possono permettersi di perdere tempo: prima si laureano, prima potranno competere con tutti gli altri, mettersi in gioco».

Continua a leggere ‘Intervista di Michel Martone al Corriere della Sera sui laureati fuori corso’

Il ministro Cancellieri “Se ti laurei a 28 anni avrai meno possibilità degli altri”

Pubblico di seguito la dichiarazione del Ministro Cancellieri del 10 marzo 2012 in merito alla frase sugli sfigati .

BOLOGNA – «Non siamo dei maestri di comunicazione e la comunicazione politica proprio non ci appartiene». A dirlo ieri a Bologna è stato il ministero dell’Interno Annamaria Cancellieri. Il titolare del Viminale ha anche commentato l’uscita sugli “sfigati” del viceministro Martone «Chi ci mette 10 anni a laurearsi e magari non lavora, in un mondo cosi’ competitivo, farà un po’ più di fatica. Se ti laurei a 28 anni avrai meno possibilità degli altri» .