Tag Archive for 'investimenti'

Sulcis: vertice al MISE, entro fine mese la cabina di regia

(Adnkronos) – Roma, 17 gennaio –  Piano Sulcis – Ammortizzatori  sociali per gli operai dell’indotto e cabina di regia per far decollare le politiche attive per il lavoro nella provincia più povera d’Italia,  sono stati l’oggetto del vertice che si è svolto nel pomeriggio al Ministero dello Sviluppo Economico. L’ incontro, presieduto dal Sottosegretario Claudio De Vincenti,  ha visto la partecipazione del Ministro Fabrizio Barca  (Coesione  Territoriale) e del Viceministro Michel Martone  (Lavoro), di alti  dirigenti della Regione Sardegna, del Presidente della Provincia del  Sulcis-Iglesiente Salvatore Cherchi, dell’Amministratore Delegato di  Invitalia Domenico Arcuri e dei sindacati nazionali, regionali e  provinciali. Nel corso della riunione De Vincenti ha informato i presenti  sui risultati positivi della verifica effettuata da Governo e Regione circa la disponibilità delle risorse per la copertura 2012-2013 della cassa integrazione in deroga per l’indotto del Sulcis. Il Ministro Barca ha introdotto la discussione sullo stato di avanzamento dei  lavori del Piano Sulcis che, ad oggi, vede già stanziati fondi per 501 milioni, nonchè una tempistica stringente relativamente ai primi  investimenti che partiranno a breve, ai quali seguirà’ la più complessiva attuazione del programma.  Il Viceministro Martone, da parte sua, ha aperto il confronto  sul punto dell’ attuazione – in linea col Protocollo del 13 novembre  scorso – delle politiche attive per il lavoro e della costituzione  della relativa ”cabina di regia”. Nei prossimi giorni si procederà  alla sua strutturazione che verrà presentata alle parti sociali in un incontro – previsto per la fine del mese – nel corso del quale se ne definirà anche il programma di lavoro.

La lezione tedesca

La lezione tedesca_Outlook_marzo2011_ConfindustriaModenaDi seguito l’intervista pubblicata su Outlook Modena Mondo, rivista bimestrale di Confindustria Modena.

Scarica il PDF di Outlook Modena Mondo – Numero 2 | Marzo – Aprile 2011

Il vero problema dell’economia italiana consiste nella scarsa produttività delle sue aziende che, come dimostrano i dati Istat, si rivela praticamente ferma da dieci anni e, anzi, nell’ultimo anno è decresciuta; se la produttività diminuisce, il Paese si impoverisce perché vengono meno le risorse, in termini di tasse e contributi, che servono a pagare il costo dei diritti, e la disoccupazione aumenta perché le imprese emigrano all’estero. Ora come dimostra l’esperienza tedesca, per contrastare questo crollo della produttività e ricominciare a creare sviluppo e quindi occupazione gli imprenditori devono trovare il coraggio di fare gli investimenti necessari a migliorare i processi produttivi, e i lavoratori devono avere la capacità di rinunciare ad alcune tutele, come ad esempio alla rigidità di alcuni orari di lavoro, al fine di assicurare la migliore produttività degli impianti.

Continua a leggere ‘La lezione tedesca’

“Le casse previdenziali possono collaborare al rilancio dell’economia”

Forum 2012 In Previdenza. Roma, 9 maggioLe casse previdenziali possono e devono essere attori dello sviluppo del Paese.

Per far fronte alla più grave crisi dai tempi del ’29 e far ripartire l’economia è assolutamente indispensabile sperimentare nuove forme di collaborazione tra pubblico e privato.

In questa prospettiva le casse, con i loro importanti patrimoni, possono contribuire al rilancio di un’economia in crisi di liquidità, coniugando la tutela degli interessi degli iscritti a prestazioni previdenziali adeguate con investimenti a basso rischio finanziario ma di sicuro impatto sociale, come sta dimostrando l’esperienza del social housing.

La mossa di Federmeccanica per puntare sulla produttività

Articolo pubblicato sul Il Sole 24 Ore di sabato 11 settembre 2010

Se, per l’attuale sistema di relazioni industriali, la sottoscrizione dell’accordo separato di Pomigliano ha rappresentato una forte scossa sismica, la decisione di Federmeccanica di recedere dal contratto collettivo nazionale dei metalmeccanici, quello sottoscritto anche dalla Fiom il 20 gennaio 2008, rappresenta un vero e proprio terremoto.Un terremoto di cui è difficile valutare gli esiti ma che ci lascia con la certezza che, d’ora in poi, il nostro sistema di relazioni industriali non sarà più lo stesso. Continua a leggere ‘La mossa di Federmeccanica per puntare sulla produttività’